fbpx
search
CONTATTACI:
 info@glassfilm.it
+39 0832.792641

COME IMPERMEABILIZZARE E RAFFRESCARE I TETTI CON GUAINE LIQUIDE

La guaina impermeabilizzante per coperture è un rivestimento protettivo. Il compito primario di questo tipo di membrana liquida è quello di rivestire e isolare la copertura su cui viene applicata, rendendola così calpestabile e allo stesso tempo impermeabile.

Queste tipologie di guaine liquide, oltre che impermeabilizzare la superficie da eventuali ristagni d’acqua, possono anche isolare termicamente il tetto, aumentandone la riflettanza solare. In questo modo il calore verrà riflesso invece che assorbito dalle murature dell’edificio. 

 Vediamo sotto qualche esempio di guaine liquide impermeabilizzanti:

View the embedded image gallery online at:
https://www.glassfilm.it/guaine-isolanti#sigProId8f6047ef25

TERMOISOLAMENTO E IMPERMEABILIZZAZIONE DI TETTI E TERRAZZE

Questa tipologia di sistemi è unica nel suo genere per gli alti livelli di affidabilità e sicurezza.

“Come può una semplice guaina liquida termoisolare e impermeabilizzare il tetto di un edificio?” 

Le guaine liquide applicate a freddo, grazie alla loro composizione poliuretanica, formano uno strato di finitura protettiva in grado di creare una vera e propria membrana.  Lo spessore e la stratigrafia di questa membrana protettiva varia a seconda dei livelli di impermeabilizzazione, durata e isolamento che si vogliono ottenere.

L’isolamento termico dei tetti dalla calura estiva e l’impermeabilizzazione di un terrazzo sono quindi oggi facilmente ottenibili mediante la posa in opera di guaine liquide impermeabilizzanti o termoisolanti.

View the embedded image gallery online at:
https://www.glassfilm.it/guaine-isolanti#sigProIdcc51b87d82

“Che differenza c’è tra le guaine liquide impermeabilizzanti e le guaine termoisolanti?”

Nel caso in cui avessimo bisogno di termo-isolare un tetto dal forte calore estivo; dovremmo fare in modo di renderlo Cool Roof. Se non siete esperti di Roofing non avrete mai sentito parlare di ciò che tradotto in italiano significa Tetto Freddo.

Per far sì che un terrazzo di un edificio diventi un tetto freddo dobbiamo fare in modo che rifletta il calore invece di assorbirlo. Ecco perché in questo caso si parla di guaine liquide ad alta riflettanza. Grazie al loro colore bianco e alla loro composizione poliuretanica, una volta applicate generano una riflettanza tale da abbassare di diversi gradi la temperatura interna dell’edificio.

Morale della favola: per far sì che un tetto o una copertura, oltre che impermeabili diventino anche termo isolanti, c’è bisogno di comporre diversi strati attraverso la posa in opera delle diverse membrane liquide, andando a creare così una serie di strati di finitura protettiva.

Sotto potete osservare un chiaro esempio di quanto spiegato sin qui:

 

View the embedded image gallery online at:
https://www.glassfilm.it/guaine-isolanti#sigProIdedae5aacb5

    Esempio di Applicazione con Guaine Liquide Sika

Come potete vedere, a seconda dello standard e della prestazione che si vogliono ottenere, cambiano gli strati o i componenti installabili; è possibile installare queste tipologie di prodotto su qualsiasi superfice, anche su guaine preesistenti, preservandole ed estendendone la garanzia. 

TIPOLOGIA DI INTERVENTO E DI PRODOTTI UTILIZZATI

Attualmente sul mercato esistono diversi produttori di guaine liquide, gli esperti del settore però sanno benissimo che poche sono i marchi di cui ci si possa fidare ciecamente. Oltre a questo, bisogna avere in grande considerazione soprattutto la competenza tecnica dell’installatore per una corretta posa in opera di queste membrane isolanti.

Queste tipologie di guaine liquide impermeabili vengono applicate sulle coperture allo stato liquido e a freddo; sono applicate principalmente a rullo e pennello o attraverso degli spruzzatori airless. La prima fase prevede l’applicazione della mano di fondo e il posizionamento di materiale di rinforzo che viene srotolato e inserito su quest’ultima quando è ancora bagnata. Fatto ciò, una volta che tutto è asciutto e indurito, sarà possibile applicare gli strati di finitura protettivi.

Le casistiche di intervento più comuni riguardanti tali sistemi impermeabili sostenibili, sono spesso quelle relative all'impermeabilizzazione delle terrazze; in particolare quelle dove è già stata applicata ad esempio una guaina bituminosa da ripristinare; sebbene oggi, grazie ad una maggiore sensibilità sulle tematiche E-Green in edilizia, rivolte al risparmio energetico, tante sono anche le richieste di isolamento termico del tetto.

In entrambi i casi comunque non conviene prendere iniziative votate interamente al fai da te: prodotti molto economici risultano spesso non idonei e privi di qualsiasi garanzia; possono compromettere funzionalità, durata, e qualità dell’intervento stesso. Senza considerare il rischio di spendere di più rispetto ad un’installazione effettuata a regola d’arte da un professionista del settore. 

CARATTERISTICHE TECNICHE GUAINE IMPERMEABILIZZANTI

RESISTENZA A RAGGI UV: La luce, è composta dai raggi ultravioletti; ricchi di energia, causano invecchiamento dei manti per coperture andando a creare fessurazione superficiale e degrado. Le guaine liquide per la copertura dei tetti sono perfettamente stabili contro i raggi UV e garantiscono una lunga durata, anche in climi estremi e località con una forte esposizione ai raggi UV.

RESISTENZA A SHOCK TERMICI: I manti impermeabili per coperture sono appositamente progettati per resistere a repentine variazioni della temperatura e delle condizioni meteo.

ALTA RESISTENZA AL FUOCO: I requisiti di resilienza al fuoco sono molto particolari e variano a seconda del tipo di stratigrafia e dell’utilizzo dell’edificio. Se il manto di copertura costituisce la superficie superiore del tetto, il materiale con cui è realizzato deve generalmente essere classificato come auto-estinguente. Tutti i manti di copertura vengono progettati per adempiere a questo requisito oltre alle norme internazionali e locali relative alla resistenza al fuoco negli edifici.

ANTISCIVOLO: Le superfici goffrate assicurano una resistenza allo scivolamento. Specifiche quantità di sabbia di quarzo applicabili sulle membrane liquide offrono diversi standard di resistenza allo scivolamento.

COMPATIBILITÀ AL BITUME: Il bitume è il materiale tradizionalmente usato per impermeabilizzare tetti e terrazzi ed è ancora presente su un gran numero di coperture esistenti. Con le membrane liquide è possibile rivestire vecchi manti bituminosi, evitando costi di rimozione e smaltimento, ripristinando le qualità di impermeabilizzazione, resistenza al fuoco o isolamento della copertura.

RESISTENZA AL FREDDO: Esistono diverse condizioni climatiche a cui i sistemi di copertura devono far fronte. La resistenza a temperature inferiori allo zero è uno dei requisiti fondamentali. Tutti i manti devono rimanere flessibili nonostante le basse temperature.

RESISTENZA AL CALPESTIO O AL TRAFFICO SU RUOTE LEGGERO: Se i tetti o le terrazze vengono usati per aree esposte al traffico pedonale e veicolare, p.e. su terrazze o parcheggi sui tetti. Il manto di copertura deve resistere ad abrasione e usura senza protezione aggiuntiva.

IMPERMEABILIZZAZIONE CONTINUA SENZA GIUNTI: Le guaine liquide garantiscono una impermeabilizzazione senza giunti su tutta la superficie del terrazzo.

APPLICAZIONE CON PENNELLO O RULLO: Le membrane liquide possono essere applicate a pennello e a rullo oltre che con airless.

RESISTENZA ALLO STRAPPO: Le membrane impermeabilizzanti sono in grado di offrire eccezionali proprietà di resistenza allo strappo, con elevati livelli di flessibilità ed elasticità anche a basse temperature.

BUONA PERMEABILITÀ AL VAPORE: Esistono manti impermeabili, con eccelse proprietà di permeabilità al vapore. Ciò permette all’umidità della struttura sottostante di evaporare.

SISTEMI COOL ROOF: COPERTURE TERMOISOLANTI AD ALTA RIFLETTANZA SOLARE

Come abbiamo detto sopra, chi è esperto di Roofing o Coperture, conosce bene il sistema Cool Roof.

I Sistemi a tetto freddo rappresentano un importante contributo alla sostenibilità in edilizia, in particolare oggi, quando miglioramento dello standard energetico, risparmio energetico e cambiamenti climatici influenzano la vivibilità all’interno delle aree urbane.

Quasi tutti i tetti degli edifici presentano una copertura di colore scuro che assorbe il calore del sole. Essi, provocano così un aumento della temperatura interna degli edifici con conseguente maggiore consumo energetico per impianti di raffrescamento e maggiore emissione di gas serra.

I Sistemi Tetto Freddo o Cool Roof sono quindi delle coperture di colore chiaro (idealmente bianco) applicate sui tetti degli edifici, che li rendono in grado di riflettere il calore invece che assorbirlo. Questi sistemi sono fondamentali quando il gradiente termico di una determinata area urbana e piuttosto alto a causa dell’elevata concentrazione di costruzioni (fenomeno Isola di Calore)

Gli efficaci Sistemi termoisolanti con manti impermeabili sintetici e membrane liquide “SR” (Solar Reflective) di colore bianco ad alta riflettanza ci permettono di realizzare coperture economicamente vantaggiose e ad elevate prestazioni. Riconosciute dal programma di certificazione LEED del Green Building Council (GB).

CARATTERISTICHE TECNICHE GUAINE TERMOISOLANTI AD ALTA RIFLETTANZA

Grazie a queste guaine isolanti anticalore, è possibile avere una riduzione che varia dal 20% al 40% dei consumi di energia elettrica dovuti al raffrescamento dell’edificio. Minima manutenzione ed elevata resistenza allo sporco. ́ Inoltre, aumentando il grado di riflettanza si ha la possibilità di incrementare considerevolmente la produzione elettrica di sistemi fotovoltaici bifacciali.

RIFLETTANZA SOLARE: L’effetto “Isola di calore” ha un impatto sempre maggiore sulle città ad elevata densità urbana. È possibile contribuire significativamente alla riduzione di questo effetto sostituendo le superfici dei tetti scure con altre di colore più chiaro (bianco). Le guaine termoisolanti permettono di riflettere il calore solare oltre all’80% e di avere indice di riflessione solare SRI>100.

“Il rapporto di Ronnen Levinson & Hashem Akbari del dicembre 2007 “Potential Energy Savings and Environmental Benefits of Cool Roofs on Commercial Buildings” dimostrò che passare da un manto grigio chiaro con una riflettanza relativamente bassa ad un manto bianco con una riflettività superiore permette di conseguire grandi risparmi sui costi energetici, riducendo significativamente le emissioni di anidride carbonica (CO2 ), biossido di azoto (NO2 ), biossido di zolfo (SO2 ) e mercurio (Hg). I manti Sarnafil® SR bianchi ad alta riflettanza sono tra i pochi censiti dai database pubblici CRRC e ECRC, sia per le prestazioni a nuovo che invecchiate a 3 anni. “

SOLAR REFLECTANCE INDEX (SRI): è la capacità di riflettere l’energia solare. È stato studiato che un colore nero ha una riflettanza solare pari a 0,05 ed emittanza pari a 0,90; avendo come indice SRI (0).

Mentre un colore bianco a riflettanza 0,80 ed emittanza 0,90 e ha un indice SRI = 100.

Una volta misurata la temperatura della superficie di un materiale, può essere calcolato l’indice SRI mediante interpretazione tra i valori del nero standard e bianco standard.

Questo indice SRI viene calcolato analiticamente attraverso la norma di riferimento ASTM E 1980. Più è alto, tanto più il materiale sarà idoneo per realizzare un “Cool Roof”.

DURABILITÀ: Quanto più a lungo dura un prodotto, tanto meno sarà impattante per l’ambiente e per il nostro portafogli. Queste guaine liquide sono state testate in termini di invecchiamento e aspettativa di vita.

Per esempio, il British Board of Agrément (BBA) certifica che un manto Sarnafil® G/S in PVC standard di 1,2 mm di spessore ha un’aspettativa di vita “superiore ai 35 anni”.

EMITTANZA TERMICA: Rende in grado la superfice sul quale è stata installata, di emettere radiazione termica nel campo dell’infrarosso (calore) e varia da 0 a 1 a seconda del tipo di materiale (rif. norme ASTM E 408-71, ASTM C 1371-04). Più alta sarà l’emittanza, più bassa sarà la temperatura della superficie.

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA): I manti/prodotti per coperture non solo sono fabbricati in impianti di produzione certificati ISO 14001: 2000, ma devono avere anche una ridotta domanda di energia cumulata (MJ/m2 ) e un ridotto potenziale di riscaldamento globale (kg CO2 -eq/m2 ), questi durante l’intero ciclo di vita (LCA).

Per ulteriori curiosità o informazioni su installazione e acquisto del prodotto è possibile inviarci una mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. oppure chiamare il numero: +39 0832 792641.